FANDOM


Abū Sufyān ibn Ḥarb (La Mecca, 560 – Medina, 652) è stato un facoltoso commerciante meccano dei Banū ʿAbd Shams che, dopo la morte di Abū Jahl al-Makhzūmī e prima della sua conversione, funse da capo morale dei Coreisciti pagani ostili all'Islam.

Abū Sufyān b. Ḥarb (أبو سفيان بن حرب) - che a lungo fu uno dei più risoluti nemici di Muhammad - si convertì alla vigilia della conquista di Mecca (630) e, con lui, i suoi figli Yazīd e Muʿāwiya che entrarono subito a far parte della cerchia più intima del Profeta ricoprendo incarichi non secondari nella Umma.

Fintanto che rimase un pagano, fu sposato a Hind bt. ʿUtba, che nella battaglia di Uhud squarciò la cassa toracica dello zio del Profeta, Hamza b. ʿAbd al-Muṭṭalib, e ne morse il fegato per placare la sua sete di vendetta, avendo patito la morte di suo padre ʿUtba, ucciso nella battaglia di Badr.

Bibliografia Modifica

  • Ṭabarī, Taʾrīkh al-rusul wa l-mulūk (Storia dei profeti e dei re), (ed.) Muḥammad Abū Faḍl Ibrāhīm, Il Cairo, Dār al-maʿārif, 1960-9.
  • Leone Caetani, Annali dell'Islām, Milano-Roma, Hoepli – Fondazione Caetani della Reale Accademia dei Lincei, 1905-1926.
  • William Montgomery Watt, Muhammad at Mecca, Oxford at the Clarendon Press, 1953.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale