FANDOM


Muhammad ibn Ahmad ibn ʿUthmān ibn Qaymaz ibn ʿAbd Allāh, Shams al-Dīn Abū ʿAbd Allāh al-Turkmānī al-Diyārbakrī al-Fāriqī al-Dimashqī al-Dhahabī al-Shafiʿī, (in arabo: محمد بن احمد بن عثمان بن قيوم ، أبو عبد الله شمس الدين الذهبي‎), noto più semplicemente come al-Dhahabī (Damasco, 1274 – 1348), è stato uno storico siriano, fu uno studioso sunnita sciafeita di ḥadīth (Muhaddith) e storiografo del primo Islam.

BiografiaModifica

Al-Dhahabī nacque nel 1274 a Damasco, dove la sua famiglia viveva fin dal tempo del nonno ʿUthmān. Talvolta egli stesso si presenta come Ibn al-Dhahabī (lett. "Figlio dell'orefice"), facendo riferimento all'attività del padre. Cominciò i suoi studi di ḥadīth a 18 anni ed effettuò per questo viaggi da Damasco a Baalbek, Homs, Hama, Aleppo, Nablus, Cairo, Alessandria d'Egitto, Gerusalemme, Hijaz e altrove, dopo i quali tornò a Damasco, in cui redasse numerose opere e si guadagnò vasta notorietà come critico intelligente ed esperto di ḥadīth, storia enciclopedica e biografo, oltre ad essere considerato un'autorità nel campo delle letture canoniche (qiraʾāt ) del Corano.

Perse la vista due anni prima della morte e lasciò tre figli, la cui primogenita fu Amat al-ʿAzīz e due figli, ʿAbd Allāh e Abū Hurayra ʿAbd al-Rahmān, l'ultimo dei quali fu maestro degli esperti di ḥadīth, Ibn Nāṣir al-Dīn al-Dimashqī[1] e Ibn Hajar, cui trasmise numerosi lavori del padre.

MaestriModifica

Tra i più importanti maestri di ḥadīth, fiqh e ʿaqīda di al-Dhahabī figurano:

  • Taqī al-Dīn Aḥmad ibn Taymiyya
  • Ibn al-Ẓāhirī, Aḥmad ibn Muḥammad ibn ʿAbd Allāh al-Ḥalabī
  • Sharaf al-Dīn al-Dimyāṭī, ʿAbd al-Muʾmin ibn Khalaf, la più apprezzata autorità egiziana sui ḥadīth del tempo
  • Shaykh al-Islām Ibn Daqīq al-ʿĪd
  • Jamāl al-Dīn Abū al-Maʿālī Muḥammad ibn ʿAlī al-Anṣārī al-Zamalkānī al-Dimashqī al-Shāfiʿī (m. 727), che egli chiamò "Qāḍī al-Qudāt".
  • Al-Abarquhī, Aḥmad ibn Isḥāq ibn Muḥammad al-Miṣrī (m. 701), da cui al-Dhahabī fu istruito alla dottrina sufi di Suhrawardī.[2]

OpereModifica

Fu autore di quasi un centinaio di opere, alcune delle quali di mole considerevole:

  • Template:Arabo "La grande storia dell'Islam"
  • Template:Arabo "Le vite dei personaggi di spicco", 23 voll.
  • Tadhhīb tahdhīb al-Kamāl, un compendio di biografie storiche di trasmettitori di tradizioni storico-giuridiche, ricordata come una delle sei principali opere di ḥadīth.
    • Al-Kashif fī maʿrifa man lahu riwāya fī l-Kutub al-Sitta, sintesi del soprastante Tadhhīb.
      • Al-Mujarrad fī asmāʾ rijāl al-Kutub al-Sitta, sintesi del Kashif.
  • Mukhtasar kitāb al-wahm wa al-iham li-Ibn al-Qattān.
  • Mukhtaṣar Sunan al-Bayhaqī, sintesi delle Sunan al-Kubarāʾ di Bayhaqī.
  • Mukhtaṣar al-Mustadrak li-l-Ḥākim, sintesi del libro al-Mustadrak ʿalā al-Ṣaḥīḥayn di al-Ḥākim al-Nīshābūrī.
  • al-Amṣār dhawāt al-āthār (Le città con tracce archeologiche), che inizia con una descrizione di Medina.
  • al-Tajrīd fī asmāʾ al-Ṣaḥāba, un dizionario sui Compagni del Profeta Muhammad.
  • Template:Arabo (Ricordo di chi sapeva a memoria il Corano).
  • al-Muʿīn fī ṭabaqāt al-muḥaddithīn, compendio di studiosi di ḥadīth.
  • Ṭabaqāt al-Qurrāʾ (Le generazioni di esperti coranici).
  • Duwal al-Islām (Gli Stati dell'Islam), storia condensata di personaggi ed eventi di rilievo.
  • al-Kabāʾir (Avvenimenti di spicco)
  • Manāqib al-Imām Abū Hanīfa wa sāḥibayhi Abū Yūsuf wa Muḥammad Ibn al-Ḥasan (Le virtù dell'Imam Abū Hanīfa e dei suoi due discepoli, Abū Yūsuf [al-Shaybānī], e Muḥammad b. al-Ḥasan).

Voci correlateModifica

NoteModifica

  1. al-Sakhawī, al-Dawʿ al-Lami` (8:103).
  2. Siyar Aʿlām al-Nubalāʾ [SAN] (17:118–119 #6084, 16:300–302 #5655).

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale