FANDOM


Nawawi, in arabo: أبو زكريا يحيى بن شرف النووي, Abu Zakariya Muhyi al-Din Yahya ibn Sharaf al-Nawawi (1234 – 1278), comunemente conosciuto come al-Nawawi o Imam Nawawi, era un musulmano sunnita autore di fiqh ed esperto di hadith.

VitaModifica

Nacque nel 1234 nel villaggio di Nawa, a sud di Damasco. La sua nisba si riferisce appunto a questo villaggio, lo stesso dove, anticamente, sarebbe vissuto Giobbe e dove sarebbe stato sepolto Sem, figlio di Noè, e che nel passato fu anche il centro abitato più importante del Golan, il territorio siriano del Hawran.

La propensione di al-Nawawi per gli studi e la mancanza a Nawa di accademie o istituti religiosi spinsero il padre a portarlo a Damasco, uno dei più importanti centri culturali dell’epoca, dove egli rimase per un trentennio. Qui al-Nawawi poté studiare con più di venti celebri insegnanti, tutti considerati come massime autorità nel loro campo.

Verso il 1257 iniziò a scrivere e nel 1267 fu chiamato nella Dar al-hadith sciafita di Damasco per prendere il posto di Abu Shama, morto da poco. Visse molto frugalmente e rifiutò persino un salario. Dedicò tutto il tempo a sua disposizione allo studio e alla ricerca, dormendo poche ore per notte. Raggiunse così un alto livello culturale e una eccellente reputazione in materia di diritto, giurisprudenza, trasmissione di hadith, letteratura e teologia. Tale reputazione gli permise di affrontare il Sultano mamelucco Baybars per chiedergli di abolire le tasse di guerra imposte alla popolazione della Siria e di proteggere gli insegnanti delle madrase da una riduzione dei loro stipendi. Il tentativo fu, però, vano e Baybars espulse al-Nawawi da Damasco nel momento in cui egli solo si rifiutò di firmare una fatwa che affermava la legalità di tali tasse. Quest’azione di al-Nawawi è commemorata nel popolare romanzo Sirat al-Zahir Baybars (Vita di al-Zahir Baybars)[1], nel quale il sultano, maledetto da Nawawi, diviene cieco per un breve periodo. Al-Nawawi morì celibe nella casa di suo padre a Nawa il venerdì 22 dicembre 1277. I musulmani sciiti guardano a lui con simpatia. Essi considerano alcuni dei suoi lavori favorevoli e li hanno tradotti in persiano.

OpereModifica

Al-Nawawi lasciò 26 opere complete, 10 incomplete e molti manoscritti inediti. Egli aveva un’eccezionale conoscenza delle tradizioni e adottò standard molto rigidi; per esempio, ammetteva solo cinque lavori sulla tradizione come canonici. Scrisse il maggiore commentario sul Sahih di Muslim, al-Minhaj bi-Sharh Sahih Muslim, e, come introduzione ad esso, una storia della trasmissione di quest’opera e un profilo della scienza della Tradizione. Egli fornisce non solo osservazioni sugli isnad (catene di trasmettitori) e una spiegazione grammaticale delle Tradizioni, ma li commenta anche, soprattutto sotto l’aspetto teologico e legale, citando quando necessario non solo i fondatori delle principali scuole ma anche giuristi più anziani come al-Awza’i, ‘Ata’, e altri ancora. Il Taqrib al-Taysir è un’introduzione allo studio dei hadith, un’estensione dell’opera di Ibn Silah, e fu pubblicato al Cairo nel 1890, insieme al commentario di Suyuti Tadrib al-Rawi. È stato in parte tradotto in francese da W. Marçais nel Journal Asiatique.

Scrisse inoltre una raccolta di hadith riguardanti etica, comportamento e condotta, il Riyad al-Salihin, ancora oggi abbastanza popolare nel mondo musulmano. Ma la sua fama è essenzialmente dovuta agli Arba‘in, raccolta di "40 (hadith)", che ne comprende in realtà 42, in quanto l’autore stesso ne aggiunse due in seguito, mantenendo però invariato il titolo. Quest’opera è considerata come la più popolare antologia e la migliore introduzione allo studio di hadith che, insieme al Corano, costituiscono gli insegnamenti fondamentali della Shari'a islamica. L’importanza di al-Nawawi come giurista è forse ancora maggiore. Negli ambienti sciafiiti era considerato, con il suo Minhaj al-talibin, come la più alta autorità del madhhab sciafeita, insieme ai due commentari (Tafsir) della Tuhfa di Ibn Hajar e la Nihaya di al-Rumli.

NoteModifica

  1. Cairo 1326 E..

BibliografiaModifica

  • al-Nawawi, Quarante Hadith (trad. di Mohammad Ali Sabri), Ed. C.E.S.I.

Lemma «al-Nawawi» (W. Heffening) sull'Encyclopédie de l'Islam, Leida, E.J. Brill, 1960-2005.

Voci correlateModifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale