FANDOM


Burāq o Burak è, secondo la tradizione islamica, un destriero mistico venuto dal paradiso islamico, la cui funzione è stata quella di essere la cavalcatura dei vari profeti, e di Muhammad in particolare. Secondo la tradizione islamica, nel VII secolo Burāq fu destinato dall'angelo Gabriele per portare il profeta dell'Islam da quelle che furono identificate poi come Mecca a Gerusalemme con un miracoloso tragitto avvenuto di notte ( isrāʾ ), prima che egli intraprendesse l'ascesa attraverso i 7 cieli ( miʿrāj ).

Burāq avrebbe portato in precedenza anche Ibrāhīm (Abramo) quando egli si recò in visita al figlio Ismāʿīl (Ismaele), a Mecca.

È un soggetto iconografico frequente nell'arte musulmana, dove esso è generalmente rappresentato come un quadrupede con una testa di donna, ali e una coda da pavone.

Etimologia Modifica

La parola Burāq deriverebbe dall'arabo براق, burāq, che significa "lampo" ma non è mancati chi, come E. Blochet, riferì il nome alla parola persiana bārag, "destriero",

Menzioni Modifica

Secondo il racconto fatto dallo stesso Maometto e riportato come rivelazione in una sura del Corano, lungo il suo viaggio il Profeta fu accompagnato dall'angelo Gabriele (Jibrīl in arabo) che lo guidò e gli mostrò quanto avveniva nell'Inferno e nel Paradiso. Secondo alcuni testi, Gabriele mise a disposizione del Profeta la cavalcatura di nome Burāq, che effettuava giganteschi balzi. Giunto nel più alto dei Cieli, il Profeta ebbe la possibilità di accostarsi ad Allah, che gli ordinò di compiere le preghiere canoniche giornaliere[1].

Corano Modifica

Burāq non è menzionato in alcun modo dal Corano.

Ṣaḥīḥ di al-Bukhari Modifica

Mentre Burāq è quasi sempre raffigurato con una faccia umana nell'arte persiana e dell'Estremo Oriente islamico, nessun hadith o riferimento del primo Islam allude a una faccia umanoide. Un brano del Ṣaḥīḥ di al-Bukhārī così descrive al-Burāq:

« Da... Poi un animale bianco, più piccolo di un mulo e più grande di un asino, mi portò. ... La falcata dell'animale (era tanto ampia) da raggiungere il punto più lontano visibile dalla bestia. ... »

Muhammad al-Bukhari|Sahih[2]

Ibrāhīm Modifica

Burāq è ricordato anche come la cavalcatura di Abramo (in Lingua araba Ibrāhīm), quando visitò la sua concubina Hagar e il loro figlio Ismaele. Secondo la tradizione, Abramo viveva con la moglie in Siria, ma Burāq lo avrebbe trasportato in una mattinata alla Mecca per vedere l'altra sua famiglia, e lo riportò indietro in una serata dalla moglie in Siria.[3]

Interpretazioni e simbolismi Modifica

Secondo gli eruditi musulmani, Buraq è il primo dei quadrupedi che Dio resusciterà nell'Ultimo Giorno: gli angeli gli poseranno sulla groppa una sella di rubini scintillante. Gli sarà messo in bocca un morso di smeraldo purissimo, e lo condurranno alla tomba del Profeta. Dio resusciterà allora Maometto, che monterà su Buraq e s'innalzerà così nei cieli.[4] Secondo il dizionario dei simboli, Buraq è un simbolo di trionfo e di gloria, che permette agli eletti di accedere al Paradiso[5].

Iconografia Modifica

Nell'arte, Buraq è solitamente rappresentato come un cavallo alato con un volto di donna e una coda di pavone. La sua immagine varia a seconda delle epoche e può assomigliare anche ad un asino, un mulo o un cervo.

Impatto culturale Modifica

  • In Turchia, Buraq è un nome proprio di persona maschile.
  • I nomi di due compagnie aeree derivano da Buraq : Buraq Air, in Libia, e Bouraq Indonesia Airlines in Indonesia, chiusa nel 2006.

Muro di Buraq Modifica

Negli anni 1920, una parte del muro occidentale che gli ebrei ritenevano essere l'unica porzione restante del Secondo Tempio di Gerusalemme, cominciò ad essere chiamato dai musulmani il "Muro di Buraq". L'origine di questo nome deriva da una leggenda secondo la quale Maometto avrebbe legato le redini di Buraq a questo muro[6][7].

Note Modifica

  1. Template:Cita web
  2. Template:Hadith-usc
  3. Template:Cita
  4. Template:Cita web
  5. Template:Cita libro
  6. Template:Cita libro
  7. Template:Cita web

Bibliografia Modifica

Voci correlate Modifica

Collegamenti esterni Modifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale