FANDOM


Il "Territorio della Tregua", "Dār al-ʿahd"[1] o "Dār al-Hudna", territorio non islamico in cui però l'Islam è praticabile liberamente. Non può essere attaccato e, al contrario, deve essere difeso dai musulmani che hanno stabilito un patto con le autorità del paese; i musulmani devono anche rispettarne gli usi e i costumi. Se però la controparte rompe i patti, può trasformarsi in Dar al-Harb.[2] In pratica, come dice il sacro Corano, i musulmani dovrebbero proteggere e anzi fare da "guardie del corpo" a cristiani, ebrei e zoroastriani (la gente del libro).

Tra i vari paesi non musulmani nel mondo in cui si può professare l'Islam liberamente vi sono gli Stati Uniti d'America e l'Italia (e la Russia, l'India e la Cina, per esempio). Infatti le distinzioni tra casa della guerra e casa della pace (solamente) appartengono alla discussione sviluppatasi in età islamica classica e oggi esse non hanno più motivo di essere riproposte, salvo da parte di chi auspica un ritorno a un autoreferenziale Islam delle origini.

« La dottrina islamica contemporanea tende a considerare la contrapposizione tra dār al-Islām e dār al-ḥarb come superata: la esistenza di trattati e istituzioni internazionali universali impone di considerare i paesi non musulmani come dār al-ʿahd, almeno in assenza di uno stato di guerra effettiva. »

Roberta Aluffi Beck-Peccoz, s.v. «Dār al-Islām», in Dizionario dell'Islam (a cura di Massimo Campanini), Milano, Rizzoli, 2005, p. 83

Alcuni musulmani sostengono che come all'interno della Umma gli Ahl al-Kitab devono essere protetti, così all'esterno (laddove non si venga attaccati militarmente) bisogna mettere i paesi Dar al-hudna che accolgono i musulmani e gli permettono di professare la propria religione nel gruppo della tregua e quindi non solo della pace ma anche dell'alleanza preferenziale (come se i musulmani siano chiamati a fare da "guardie del corpo" ai membri dei paesi Dar al-hudna). Questo sia a livello personale sia a livello statale.

NoteModifica

  1. Così in al-Sarakhsī (m. 1106), commentatore hanafita di al-Shaybānī nel suo Mabsūṭ, 30 voll., Il Cairo, 1906/1324 E., X, p. 2.
  2. Dar al-Hudna

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale