FANDOM


L'Ijmāʿ (إجماع ) è il "consenso [dei dotti]", considerato dal diritto islamico la terza fonte del diritto, dopo gli indiscussi Corano e Sunna e prima del qiyās, o "analogia giuridica", concetto alquanto discusso.

Per consenso s'intende in termini generali quello della Umma islamica ma, in pratica, quello dei primi grandi giuristi (Abū Ḥanīfa, Mālik b. Anas, Muḥammad al-Shāfiʿī e Aḥmad b. Ḥanbal), fondatori e guide (Imām ) delle scuole giuridiche (madhhab ) che da loro prendono il nome e che fino ad oggi sono sopravvissute.

Se dunque in ambito islamico ci si trovasse di fronte a un silenzio del testo coranico e, in subordine, del corpus tradizionistico che compone la Sunna, a garantire legittimità a una data fattispecie giuridica provvederà il consenso, chiaro e ininterrotto, dei dotti (ʿulamāʾ ) giurisperiti musulmani.

Il puntello giuridico per affermare la legittimità dell'ijmāʿ risiede in un ḥadīth del Profeta Muhammad che avrebbe dichiarato una volta: «La mia Comunità non si troverà mai d'accordo su un errore». Ciò nondimeno il Kharigismo, i mutaziliti e gli sciiti non ammettono l'ijmāʿ.

Voci correlateModifica

BibliografiaModifica

  • Joseph Schacht, The Origins of the Muhammad Jurisprudence, Oxford, O.U.P., 1959.
  • Joseph Schacht, Introduction to Islamic Law, Oxford, O.U.P., 1964.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale